Uno spazio libero, autonomo, gratuito, autogestito, indipendente da sponsor di qualunque tipo,
che abbia come finalità la collaborazione e l’aiuto reciproco tra autori esordienti.
Uno spazio accessibile anche a lettori che vogliano commentare criticamentegli scritti degli autori.
Un gruppo di lettura critica, un laboratorio di scrittura autogestito.
U
n angolo libero per scambiarsi informazioni, consigli, link, bandi di concorso,
recensioni inerenti la scrittura, la poesia, ma non solo.
Tutti i partecipanti sono gestori, responsabili dei propri scritti, 
Nessun capo, nessun condottiero.
Un posto dove stare principalmente insieme.
Senza clamori ma in pacata armonia


ATTENZIONE: QUESTO FORUM NON ACCETTA PIU' NUOVE RICHIESTE DI ISCRIZIONE FINO A DATA DA DESTINARSI.


PER ISCRIVERSI BISOGNA RICORDARE CHE:

L'accesso al forum non è automatico ma su richiesta.
Leggere attentamente le regole e la mission di questo forum  indicate a questo link.
Dopo essersi registrati su FFZ e aver letto quanto richiesto, si può chiedete l'iscrizione al forum
cliccando su "unisciti" link a destra in alto.
IMPORTANTE:
lasciare sempre un breve messaggio in area "Benvenuti"
sezione "Mi presento" indicando le ragioni che inducono a richiedere l'iscrizione al forum. 
Non saranno accettate richieste di iscrizione senza la presentazione in area "Mi presento"
Qualunque richiesta senza presentazione sul forum sarà automaticamente respinta
 

Questo forum è un gruppo di lettura e di scrittura autogestito.
Gli amministratori  si riserveranno di accettare o rifiutare la domanda di iscrizione.
  

RIEPILOGO:
1. MISSION DEL FORUM: Leggere attentamente chi siamo e la nostra mission, per capire se è il forum che fa per voi:
CLICCA QUI
2. PRESENTAZIONE SU "MI PRESENTO"
CLICCANDO SU QUESTO LINK: e scrivendo breve presentazione di se stessi e ragioni per cui si richiede l'iscrizione al forum;
3. UNISCITI
CLICCANDO SU QUESTO LINK:
4. INTERAGIRE in attesa di approvazione della richiesta, nelle aree pubbliche del forum.
5. REGOLE E DIRITTI DEI FORUMISTI:
CLICCA QUI (tenendo presente che sono abbondantemente più numerosi i diritti che i doveri).


 
Vote | Print | Email Notification    
Author

IN PRIMA PERSONA SINGOLARE

Last Update: 4/27/2009 4:36 PM
11/8/2008 11:17 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 196
Registered in: 9/23/2008
Junior User
OFFLINE
Una recensione del mio primo libro da "www.ladigetto.it"
Il libro della settimana – Di Guido de Mozzi

--------------------------------------------------------------------------------



Autrice: Cristiana Pivari
Titolo: In prima persona singolare

Editore: Il Filo Srl 2007
Pagine 82




IL CONTENUTO
Proviamo mai a metterci nei panni degli altri, “in prima persona singolare”? A dire “io” e a pensare e agire come un altro penserebbe e agirebbe? Cristiana Pivari lo ha fatto e dal suo esperimento è nata questa coinvolgente raccolta di racconti. Vicende straordinarie nella loro quotidianità, uomini e donne alle prese con situazioni diverse, cariche di significato e di spunti per riflettere. Il sogno di avere a disposizione un’ingente somma di denaro. Il passato che, di continuo, interferisce con il presente, o le azioni altrui che, inevitabilmente, si riflettono e modificano le proprie certezze. La decisione di dire, almeno una volta, ciò che si pensa veramente. I personaggi che popolano il mondo di In prima persona singolare, con armonia e semplicità parlano di sé, si rivelano, testimoni di una società troppo spesso superficiale.

IL COMMENTO
Cristiana Pivari è nata a Trento il 1° giugno 1956, quindi è una nostra illustre concittadina. Ha vinto numerosi premi letterari, tra i quali vale la pena ricordare che nel 2006 ha avuto una menzione al premio «Il camaleonte – Città di Chieri» con il racconto «Una storia non triste». E non sono tristi neanche i 10 racconti che ha raccolto in questa pubblicazione, neppure quelli che ne avrebbero tutti i presupposti, e questo va a tutto rispetto della nostra autrice.
Devo dire che anche a me piace scrivere in prima persona singolare, ma proprio per questo so che una delle cose più difficili per uno scrittore è quello di entrare nei panni di personaggi diversi da quello che si è, ed è quasi impossibile fingere di essere di sesso diverso dal proprio senza tradire il proprio genere. Lei ci è riuscita e questo va a tutto suo onore. Ma è riuscita ad interpretare in prima persona ruoli con età e caratteristiche peculiari completamente diverse l’una dall’altra, e anche qui è stata bravissima.
Di ognuno di questi racconti bisognerebbe scrivere una recensione a sé, ma sono così brevi che non si può farlo senza in qualche modo raccontare anche la storia stessa e, ovviamente, togliendo la mano felice dell’autrice e quindi lo stesso interesse letterario offerto dalla lettura.

Non si dovrebbe farlo tra colleghi, ma voglio lo stesso provare ad esprimere cinque considerazioni sull'amica Cristiana. Forse mi perdonerà, forse no. Ad ogni modo eccone una in premessa, una sul suo modo di esprimersi, poi sulla raccolta nel suo insieme, qualcosa sui singoli racconti e infine una in conclusione.

Anzitutto, così brevi, i racconti di Cristiana Pivari racchiudono il loro significato a volte in una sola battuta, talvolta in un finale a sorpresa, talora in una sottile logica svolta sul filo dell’intera trama. In effetti, dopo aver letto uno o due dei suoi racconti, il lettore si aspetta sempre la sorpresa finale, una logica portante e il significato che ha spinto la nostra Cristiana a prendere il computer e gettare la sua storia. Questa è forse la cosa più interessante, perché anche nei romanzi a lunga gittata l’interesse viene spesso nutrito dal termine di un capitolo, scritto in modo da invitare il lettore a incominciare subito quello successivo.

Il volumetto nel suo insieme è piacevole da leggere, è scorrevole e pieno di sottili espressioni letterarie che ne fanno una vera e propria piccola delizia. Degli esempi con, tra parentesi, il mio occhiello.
- Pagina 17: (Passa parola) «E' un classico. Le voci corrono e quando arrivano sono completamente distorte, in questo caso esagerate. »
- Pagina 31: (L'istruzione) «C'è stato un tempo in cui mi preoccupavo di instillare in piccole menti grandi valori, conditi con regole grammaticali per poterli esporre correttamente, con nozioni si storia e geografia per poterli collocare nel tempo e nello spazio.»
- Pagina 36: (Provocazione) «E se decidessi di nascere omosessuale?»
- Pag. 53: (Malattia professionale) «... così come li definiva mia suocera, che a furia di "Selezione del Reader Digest" aveva subito anche la selezione naturale dei neuroni».
- Pag. 59: (Una botta e via) «Non dico che soffrisse di eiaculazione precoce, ma di smania di andarsene in fretta, un po' sì.»
- Pag. 69: (Dire sempre quel che si pensa) «E' pazza.» Penso. «Forse hai ragione.» Dico.

Se poi vogliamo dare un «corpo» alla raccolta, direi che potrebbe essere collocata in una sorta di «ciclo dei vincenti», perché ogni storia alla fine non lascia l’amaro in bocca al lettore (neanche quando finisce tragicamente). Una portante di riscatti, di riprese, di rinunce, di rilanci in avanti, di «pari e patta», che offre e trasmette sempre una vera forma di ottimismo.

Per quanto riguarda i singoli racconti (provo parlarne senza riportare il contenuto), parlerò di alcuni, senza per questo sminuire quelli che non cito.
Nel primo, intitolato «Dacci oggi il nostro pane quotidiano», l’autrice parla in prima persona da maschietto e merita leggerlo per verificare quello che ho detto all’inizio. Ma è anche il primo della serie ed è la chiave di lettura dell’intera partita.
Il terzo, intitolato «Povera donna» è molto triste, ma è narrato in modo così positivo da rendere accettabile anche la situazione di estremo disagio che vi si trova.
Anche «Figlio di puttana», il sesto della serie, ha un finale a sorpresa. Anche se alla fine della lettura si scopre che «non poteva finire che così», in effetti lo si ammette solo all’ultima riga.
Il penultimo, «Oggi è un bel giorno per morire», offre invece una soluzione inaspettata, tale da rimettere in riga anche i pensieri più neri.
Dulcis in fundo «Nata oggi», ultimo della serie, che rappresenta un po’ l’anima dell’autrice, perché ripropone l’evoluzione naturale della Donna. Niente femminismo, sia ben chiaro, solamente presa di coscienza culturale.

A parte la brevità del volumetto (82 pagine, tutto compreso), concluderei dicendo che se questa è stata una prova generale di Cristiana Pivari prima di scrivere un romanzo intero, maturo e complesso, direi che c’è riuscita benissimo e che il risultato è più che incoraggiante. Ci auguriamo quindi di vederla presto sugli scaffali tra i best seller.




14/10/2007





----------------------------------------------
L'importante è crederci fino in fondo (alla pagina, perlomeno)
2/17/2009 10:41 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 2,270
Registered in: 9/28/2006
Veteran User
OFFLINE
In prima persona singolare - mie impressioni
Cristiava Pivari è un’autrice trasformista, possiede una rara capacità mimetica e con questi dieci raccontini è riuscita a dimostrarcelo. In prima persona singolare è una raccolta, sembrerebbe, scritta appositamente per calarsi nelle esistenze più disparate, sempre mantenendo una spietata autocritica, un occhio vigile a cogliere gli aspetti salienti di ogni situazione.
Una composita galleria di personaggi, tutti visti da dentro, a volte parlandosi addosso, altre volte con un linguaggio più stupito, quasi attonito, nelle pieghe più riposte dei loro destini, talvolta al limite del comico, altre volte drammatici, sempre mantenendo la padronanza di sé, una quieta coscienza consapevole e lucida, perfino nelle tragiche scelte finali. Uomini e donne, senza distinzione, sono tutti mossi da un’urgenza a definirsi, con una potenza descrittiva che li fa quasi uscire dalla pagina.
C’è la coppia destinata ad incontrarsi, un ragazzo arabo un po’ emarginato e una giovane disabile, e il loro vissuto individuale che precede l’incontro in forma di diario, qui la narrazione è intessuta in modo tale, che l’epilogo del loro incontro sembra la cosa più naturale del mondo, c’è la povera barbona che vive rari sprazzi di lucidità e ricorda a fatica la vita passata e il suo dramma rimosso, c’è il ragazzo naif, una specie di Forrest Gump, vissuto in una realtà ovattata e falsa, che, scoprendo la reale occupazione di sua madre prenderà una tragica decisione. C’è l’eterna ragazza che ripercorre la sua vita passata fino a decidere di morire, ma sbaglia dose di sonnifero. C’è la trentaseienne vittima dei giudizi materni per colpa dei quali non ha mai acquisito sicurezza in se stessa. C’è persino un’anima disincarnata proveniente dal dramma dell’olocausto, la quale, sospesa in una dimensione celeste, sta meditando sulla scelta di un nuovo corpo in cui reincarnarsi.
Una serie di siparietti, di figure ben delineate, nelle quali, in qualche vivida descrizione, a tratti si intravede l’autrice, un po’ come nei vecchi film di Hichckok ogni tanto il regista faceva un'apparizione, come a dire: io creo, invento, faccio apparire dal nulla, ma intanto sono qua, burattinaio immancabile e onnisciente.

-------------------------------------------
http://digilander.libero.it/giomi.isabella/
http://blog.libero.it/tanysha/
4/21/2009 3:52 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 547
Registered in: 9/23/2008
Senior User
OFFLINE
Re: In prima persona singolare - mie impressioni
Cat, scusa, ma lo leggo oggi per la prima volta. È bellissimo, hai centrato in pieno l'essenza del mio scrivere con quell'onniscenza da burattinaia. Sei semplicemente fantastica, grazie.







----------------------------------------------
L'importante è crederci fino in fondo (alla pagina, perlomeno)
4/21/2009 4:56 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 2,120
Registered in: 11/23/2005
Veteran User
OFFLINE
Cistiana, vado a ordinare il tuo libro e ti prego di fare lo stesso col mio Angelo nero, poi ci recensiamo a vicenda.
Senza vergogna, bisogna darsi una mano, sempre nel rispetto del lettore e nell'onestà reciproca.
http://fabiomusati.blogspot.com/
4/21/2009 7:06 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 548
Registered in: 9/23/2008
Senior User
OFFLINE
Re:
newat49, 21/04/2009 16.56:

Cistiana, vado a ordinare il tuo libro e ti prego di fare lo stesso col mio Angelo nero, poi ci recensiamo a vicenda.
Senza vergogna, bisogna darsi una mano, sempre nel rispetto del lettore e nell'onestà reciproca.


ok capo






----------------------------------------------
L'importante è crederci fino in fondo (alla pagina, perlomeno)
4/21/2009 7:34 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 2,123
Registered in: 11/23/2005
Veteran User
OFFLINE
Mi piaci quando ubbidisci.
http://fabiomusati.blogspot.com/
4/21/2009 9:41 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 549
Registered in: 9/23/2008
Senior User
OFFLINE
Re:
newat49, 21/04/2009 19.34:

Mi piaci quando ubbidisci.


al punto che l'ho già ordinato [SM=g7340]







----------------------------------------------
L'importante è crederci fino in fondo (alla pagina, perlomeno)
4/21/2009 10:51 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 2,124
Registered in: 11/23/2005
Veteran User
OFFLINE
idem
http://fabiomusati.blogspot.com/
4/22/2009 9:23 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 2,428
Registered in: 9/28/2006
Veteran User
OFFLINE
Re: Re: In prima persona singolare - mie impressioni
crisaliderosa, 21/04/2009 15.52:

Cat, scusa, ma lo leggo oggi per la prima volta. È bellissimo, hai centrato in pieno l'essenza del mio scrivere con quell'onniscenza da burattinaia. Sei semplicemente fantastica, grazie.






Alla buonora, Cris!
e comunque niente di che, e dovrei pure completare il commento
-------------------------------------------
http://digilander.libero.it/giomi.isabella/
http://blog.libero.it/tanysha/
4/22/2009 11:58 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 2,430
Registered in: 9/28/2006
Veteran User
OFFLINE
Il commento ora lo trovi anche sul mio blog qua sotto
-------------------------------------------
http://digilander.libero.it/giomi.isabella/
http://blog.libero.it/tanysha/
4/22/2009 5:49 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 550
Registered in: 9/23/2008
Senior User
OFFLINE
Re:
cattleja, 22/04/2009 11.58:

Il commento ora lo trovi anche sul mio blog qua sotto



Visto, grazie ecosì ora ho un altro posticino dove ficcare il naso. Tu hai la stoffa della critica letteraria, sai cogliere anche quello che l'autore stesso non coglie. La storia della burattinaia continua a farmi riflettere e ho deciso di farla sparire per un po'. Mamma mia quante cose imparo da 'sto forum... [SM=g20541]







----------------------------------------------
L'importante è crederci fino in fondo (alla pagina, perlomeno)
4/22/2009 6:39 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 551
Registered in: 9/23/2008
Senior User
OFFLINE
Che emozione! I miei primi diritti d'autore arrivati freschi freschi. Ben 140 euro lordi!





----------------------------------------------
L'importante è crederci fino in fondo (alla pagina, perlomeno)
4/23/2009 9:16 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 2,432
Registered in: 9/28/2006
Veteran User
OFFLINE
Re:
crisaliderosa, 22/04/2009 18.39:

Che emozione! I miei primi diritti d'autore arrivati freschi freschi. Ben 140 euro lordi!




Vedi che soddisfazione!
Il mio editore col cavolo che mi fa vedere il becco di un quattrino...
ma il romanzo è appena uscito e già i diritti d'autore? è una cosa seria allora...
-------------------------------------------
http://digilander.libero.it/giomi.isabella/
http://blog.libero.it/tanysha/
4/23/2009 1:51 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 555
Registered in: 9/23/2008
Senior User
OFFLINE
Re: Re:
cattleja, 23/04/2009 9.16:




Vedi che soddisfazione!
Il mio editore col cavolo che mi fa vedere il becco di un quattrino...
ma il romanzo è appena uscito e già i diritti d'autore? è una cosa seria allora...


Cat, il mio libercolo risale al luglio 2007 e non a caso in certi punti lo trovo così ingenuo da farmi tenerezza [SM=g7375]






----------------------------------------------
L'importante è crederci fino in fondo (alla pagina, perlomeno)
4/27/2009 2:30 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 2,132
Registered in: 11/23/2005
Veteran User
OFFLINE
Ricevuto oggi, lo leggo in aereo domani.
http://fabiomusati.blogspot.com/
4/27/2009 3:43 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 562
Registered in: 9/23/2008
Senior User
OFFLINE
Re:
newat49, 27/04/2009 14.30:

Ricevuto oggi, lo leggo in aereo domani.


del tuo non c'è traccia, ne' un qualcosa di conferma, che faccio? l'ho ordinato dall'editore. È normale?






----------------------------------------------
L'importante è crederci fino in fondo (alla pagina, perlomeno)
4/27/2009 3:58 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 2,134
Registered in: 11/23/2005
Veteran User
OFFLINE
Tranquilla, non l'ho ricevuto ancora nemmeno io...
Registrano le prenotazioni, poi quando hanno il libro dalla tipografia (a giorni... ma è a giorni da un paio di settimane...) provvedono con le spedizioni.
http://fabiomusati.blogspot.com/
4/27/2009 4:36 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 563
Registered in: 9/23/2008
Senior User
OFFLINE
Re:
newat49, 27/04/2009 15.58:

Tranquilla, non l'ho ricevuto ancora nemmeno io...
Registrano le prenotazioni, poi quando hanno il libro dalla tipografia (a giorni... ma è a giorni da un paio di settimane...) provvedono con le spedizioni.


ah ok, allora attendo







----------------------------------------------
L'importante è crederci fino in fondo (alla pagina, perlomeno)
Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 | Next page
NUOVA DISCUSSIONE
 | 
RISPONDI
Cerca nel forum




 Clicca qui per iscriverti a fiae
Clicca qui per iscriverti
alla mailing list del forum
(solo per gli iscritti al forum FFZ)
 


Feed | Forum | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.6.1] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 12:04 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2024 FFZ srl - www.freeforumzone.com